Sconfitta dell’Aids nel mirino: 21 milioni in cura

Africa, madre con figlia in trattamento contro l'AIDS - Florence Nakirja, Uganda - fonte UNAIDS

Notevoli progressi a livello globale sul trattamento dell'HIV, soprattutto in Africa, particolarmente colpita negli anni recenti dalla diffusione del virus. E l'obbiettivo credibile è di poter debellare l'epidemia entro il 2030.

Le buone notizie arrivano da UNAIDS (il programma delle Nazioni Unite dedicato al contrasto della malattia) in vista della Giornata mondiale contro l'AIDS del prossimo 1 dicembre. Se infatti nel 2000 solo 685 mila persone affette da HIV avevano accesso alla terapia antiretrovirale, questo dato aggiornato a giugno 2017 consiste di circa 20,9 milioni di persone che sul Pianeta hanno avuto accesso alle medicine salvavita.

Risultati incoraggianti contenuti nei rapporti periodici, che vedono al centro della lotta contro la malattia il continente africano, come ha sottolineato Michel Sidibé, direttore esecutivo di UNAIDS, ricordando ad esempio che "Oggi il Sudafrica ha il più grande programma di trattamento salva-vita nel mondo, con oltre 4 milioni di persone in cura".

Dati di cura e diffusione AIDS 2017 - fonte UNAIDS, novembre 2017

L'aumento del numero di persone trattate, del resto, sta mantenendo viva più a lungo e in buona salute la popolazione infetta da HIV, tanto più che chi aderisce a un regime efficace di terapia antiretrovirale riduce fino al 97% le probabilità di trasmettere il virus. Inoltre, favorendo l'accesso alle cure per le donne incinte ha fatto sì che dal 2010 al 2016 le nuove infezioni da HIV tra i bambini si siano ridotte del 56% nell'Africa orientale e meridionale, la regione più colpita dall'epidemia, e del 47% a livello globale.

 

 

Tuttavia la guerra è ancora lontana dall'essere vinta. Anche se nell'Africa sub-sahariana le nuove infezioni da HIV sono diminuite del 48% dal 2000, le nuove infezioni "stanno aumentando a un ritmo rapido - sottolinea UNAIDS - nei Paesi che non hanno esteso i servizi sanitari e mirati all'HIV alle aree e alle popolazioni dove sono più efficaci. Nell'Europa orientale e nell'Asia centrale, ad esempio, le nuove infezioni da HIV sono aumentate del 60% dal 2010 e i decessi correlati all'AIDS del 27%".

Nel 2016 a livello globale:

circa 36,7 milioni persone vivevano infettate dall'HIV

circa 1,8 milioni di persone sono state contagiate dall'HIV

1 milione di persone sono morte per malattie legate all'AIDS

Condividi:
Show Buttons
Hide Buttons