Convegni - 15° Giornata Nazionale del Trauma Cranico

Economia e mercati per la solidarietà

Il titolo della giornata racchiude in sè le difficoltà che le famiglie incontrano quando hanno bisogno di aiuti concreti da parte della società in cui convivono. In tutti noi sono presenti
le difficoltà economiche attuali che le istituzioni devono affrontare per adempiere i loro doveri istituzionali.
Il titolo della giornata racchiude in sè le difficoltà che le famiglie incontrano quando hanno bisogno di aiuti concreti da parte della società in cui convivono.
In tutti noi sono presenti le difficoltà economiche attuali che le istituzioni devono affrontare per adempiere i loro doveri istituzionali.
Queste difficoltà saranno sempre più presenti in avvenire per quanto riguardano interventi in campo sociale (socio-sanitario, socio-educativo). Questa giornata, per quanto riguarda la parte associativa, cerca di analizzare possibili interventi affinchè il sostegno della solidarietà da parte delle istituzioni e della società diventi stabile.

Programma di Sabato:




“Nel contesto storico e economico nazionale ed europeo in cui viviamo, il concetto bio psico sociale della riabilitazione non ha mai avuto così peso. I mutamenti delle risorse e degli assetti sociali, impongono la necessità di rivalutare le competenze e i percorsi messi in campo nel difficile e lungo cammino della riabilitazione delle persone affette dai postumi di un trauma cranico o di una lesione cerebrale di altra natura.
I due argomenti proposti nella giornata di domenica costituiscono i due estremi della forbice della complessità delle problematiche da affrontare: da una parte le difficoltà al reinserimento dovute ai disturbi comportamentali associati spesso ai deficit cognitivi, che frequentemente determinano una limitazione alla partecipazione alla vita sociale della persona e della sua famiglia, in modo più gravoso delle limitazioni motorie; dall’altra il delicato argomento della gestione di coloro che non sono riusciti ad emergere dallo stato di coma, portando le famiglie alla necessità di un supporto che non tenga conto solo dei bisogni assistenziali.

La giornata non ha certamente la presunzione di essere esaustiva riguardo gli argomenti proposti, ma ha l’intento di stimolare il confronto fra le varie realtà locali, rappresentate dalle Associazioni partencipanti al coordinamento nazionale e di far emergere le priorità durante le tavole rotonde che chiudono ogni sezione, con l’intento di redigere un documento sintetico da far pervenire agli Enti locali, regionali e nazionali competenti.”

Programma di Domenica:








2 Luglio 2012
Soc. Coop. Editoriale Etica    @ info@valori.it