Scherzetto ogm: promesse mancate su rese e pesticidi

Le mani nella terra,   ricca e fertile con lombrichi

Le mani nella terra, ricca e fertile con lombrichi

Timori per la salute a parte, il confronto sui numeri è chiaro: l'impiego massiccio di colture geneticamente modificate ( ogm) non ha regalato al Canada e agli Stati Uniti alcun vantaggio significativo rispetto all' Europa occidentale, che ancora li rifiuta. Anzi...

A raccontarlo, esaminando i dati della Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (ovvero la FAO) e di altri enti accreditati, sono le pagine web di «The New York Times», dove si evidenzia come le rese di mais e colza analizzate tra il 1985 e il 2014, e quelle della  barbabietola da zucchero dal 2005 al 2014, non siano state superiori per gli agricoltori americani e canadesi rispetto a quelli europei, i quali avrebbero anzi conservato e allargato un vantaggio sui colleghi per le ultime due colture. Una notizia che si traduce in una promessa mancata, e che certo non piacerà diffondere alle multinazionali del biotech e dell' agricoltura basata su organismi geneticamente modificati (da Monsanto a Bayer, fuse pochi mesi fa, a DuPont Pioneer a Basf...).

E la notizia non viene nemmeno sola, perché un'altra promessa fatta dai promotori dell'agribusiness ai contadini e all' ambiente sarebbe andata disattesa negli USA: quella che con l'adozione delle piante ogm si sarebbe ridotta la necessità di impiegare fitofarmaci sui campi per contrastare parassiti, piante infestanti e malattie delle coltivazioni. Tra il 1992 e il 2012, infatti, l'utilizzo di erbicidi in America sarebbe addirittura aumentato (sostanzialmente stabile quello di fungicidi e insetticidi), e ciò particolarmente nelle distese di granturco, dove il tasso di penetrazione degli ogm supera l'80% del coltivato.

E, guarda caso, a guadagnarsi la palma del fitofarmaco che ha maggiormente accresciuto il suo utilizzo nel decennio considerato è - stando alle rilevazioni del dipartimento USA per l' agricoltura (USDA National Agricultural Statistics Service) relative al mais - il glifosato.

 

 

Condividi:
Show Buttons
Hide Buttons