Crisi europea

Hester (RBS): «Forse ci vorranno anni per risolvere la crisi europea»

Potrebbero essere necessari ancora degli anni per trovare una soluzione alla crisi debitoria europea. È l’opinione di Stephen Hester, Ceo di Royal Bank of Scotland, il colosso bancario d’Oltremanica nazionalizzato a seguito della crisi finanziaria globale del 2008...
Potrebbero essere necessari ancora degli anni per trovare una soluzione alla crisi debitoria europea. È l’opinione di Stephen Hester, Ceo di Royal Bank of Scotland, il colosso bancario d’Oltremanica nazionalizzato a seguito della crisi finanziaria globale del 2008.
«In discussione – ha spiegato in un’intervista a Bloomberg Television a Hong Kong – è la capacità da parte di alcuni Stati europei, soprattutto nel sud dell’Europa, di rendersi più competitivi». A suo parere, l’euro sopravviverà alla crisi. Ma il mondo della politica si deve attivare. E «qualsiasi ricapitalizzazione delle banche, sei il Paese stesso non è sulla strada giusta, è una perdita di tempo».
La stessa Royal Bank of Scotland sta scontando pesantemente le conseguenze della tensione sui mercati: l’anno scorso le sue azioni hanno perso il 37%. Intanto si fa avanti il dibattito sull’eventualità da parte del governo di cederle: ma secondo Hester si tratta del momento sbagliato perché, proprio per via della quotazione ancora molto bassa, l’operazione risulterebbe in perdita. A detta sua, «devono aspettare che la crisi sia finita e le economie siano tornate a crescere».  
20 Giugno 2012
Redazione    @ redazione@valori.it