Banche

Archstone, Lehman Brothers fa causa a BofA e Barclays

Sono passati tre anni dallo storico fallimento di Lehman Brothers, ma le controversie sono tutt'altro che terminate. I riflettori stavolta sono puntati su Archstone...
Sono passati tre anni dallo storico fallimento di Lehman Brothers, ma le controversie sono tutt'altro che terminate. I riflettori – riporta stamattina l'agenzia Bloomberg – stavolta sono puntati su Archstone, il colosso immobiliare acquisito dalla banca nel 2007, rivelatosi poi uno degli elementi decisivi del suo tracollo.

Lehman Brothers Holdings infatti ha citato in giudizio per inadempienza contrattuale Bank of America e Barclays.
I due istituti si sono accordati per vendere il 26,5% di Archstone a Equity Residential, alla quale è stato anche riconosciuto il diritto d'opzione per comprare la parte restante della loro quota per la cifra di 1,33 miliardi di dollari.
Lehman contesta il fatto che, «in violazione di diversi significativi termini contrattuali», le due banche vogliano cedere il 53% di Archstone a quello che è definito «il suo principale competitor». Per giunta, «senza fornire a Lehman informazioni relative alla transazione» in modo adeguato.


In pratica, secondo la citazione in giudizio, Lehman sarebbe stata tagliata fuori dall'affare, pur avendo comunicato ai due istituti la propria volontà di acquistare le quote di Archstone.
L'accordo originario invece le avrebbe concesso tempo fino al 23 gennaio per ottenere il via libera dal tribunale per pagare un deposito pari a 66 milioni di dollari e poi chiudere l'affare per la cifra di 1,33 miliardi.
Tramite quest'azione legale, il fallito istituto di credito newyorkese cercherà dunque di affermare il proprio diritto a inserirsi nella transazione e impedire la vendita a Equity Residential.  Chiede inoltre che BofA e Barclays vengano private dei propri diritti di voto in Archstone e che provvedano al pagamento dei danni e delle spese legali.
Secondo alcune indiscrezioni non ancora confermate, Lehman avrebbe intenzione di assumere il controllo di Archstone per poi cercare di venderlo o liquidarlo, ricavandone almeno 6 miliardi di dollari.


16 Dicembre 2011
Redazione    @ redazione@valori.it