Carceri USA, ciclone Macron e… Valori settembre

Valori settembre è uscito. Ecco le anticipazioni: un pieno d'informazione che altrove non troverete.

A cominciare dal dossier sulle imprese nuove e innovative - altrimenti dette "startup" -, spesso considerate una panacea per l’economia globale ma che, scoprirete leggendo, raramente sfondano davvero. In Italia hanno numeri piuttosto risibili e drenano finanziamenti pubblici cospicui, delineando un panorama di luci e ombre che non cambia nemmeno nel paradiso USA di queste forme d'impresa, anche se le università europee si candidano quali soggetti capaci di indirizzare meglio lo sviluppo del settore.

apertura finetica TRUMP E GLI AFFARI IN CARCERE da VALORI 151 settembre 2017

In finanza etica scoppia il caso delle carceri di Trump. Ennesimo scontro interno agli Stati Uniti. Questa volta è la finanza a dare uno schiaffo al nuovo presidente, che intende rilanciare il business privato degli istituti penitenziari: Obama aveva cercato di limitarlo e i fondi pensione di New York, disinvestendo, stanno dando ragione all'ex inquilino della Casa bianca. Sullo sfondo della Brexit, intanto, si consuma uno scontro Londra-Bruxelles per il controllo dei derivati (mercato da 511 miliardi al giorno); mentre in Italia bisogna preoccuparsi di questioni ben più sentite dal cittadino: il nostro Paese è infatti quintultimo in Europa per tassi di accesso bancario, con divari preoccupanti tra Nord e Sud. Uno studio di Banca Etica lancia l’allarme.

apertura ecosol MACRON CONTRO LA CO2 da VALORI 151 settembre 2017

E dopo la mappa che svela come nel mondo esista un vero oligopolio dell'innovazione, con pochi Paesi detentori della gran parte dei brevetti, entriamo in economia solidale trattando di ambiente.

Merito di Parigi e di Emmanuel Macron che, per agevolare la transizione energetica, propone un prezzo minimo di 30 euro per ogni tonnellata di anidride carbonica emessa. Una riforma del cosiddetto Carbon Market che potrebbe stravolgere l’industria europea, se gli altri Stati saranno d'accordo. A seguire una storia esemplare di come anche l'opinione pubblica possa incidere sui mercati, con il boom delle quotazioni di burro che fanno il paio con la crisi dell'olio di palma, e l'industria dolciaria in subbuglio; poi le preoccupazioni tedesche per l'avvento dell'auto elettrica: a rischio posti di lavoro e leadership nel settore.

apertura internazionale GERMANIA ALLE URNE da VALORI 151 settembre 2017

Sempre di Germania si parla in apertura di internazionale, perché il Paese arriva al voto profondamente diviso sulle questioni salariali, e la cancelliera Merkel - data ad oggi per sicura vincitrice - avrà un bel daffare per evitare che le questioni sociali esplodano. Dopo uno sguardo anche sull'imminente voto norvegese, condizionato dalle discussioni per l'uso futuro del ricchissimo fondo sovrano, torniamo a occuparci di armi nucleari: tra i firmatari dell'accordo approvato alle Nazioni unite per una moratoria non c’è alcuno Stato tra quelli in possesso delle testate da vietare. La sezione e il giornale si chiudono con una tazza di tè equo e solidale, sulla quale è però scontro aperto tra la catena di supermercati inglesi Sainsbury’s e Fairtrade International, principale marchio di certificazione. Uno scontro che attraversa il Regno unito e riguarda l'intero settore fair trade.

Condividi:
Show Buttons
Hide Buttons