Ceta, dal Parlamento europeo sì al trattato

Parlamento europeo l'emiciclo durante i lavori. Di Diliff (Opera propria) [CC BY-SA 3.0], attraverso Wikimedia Commons

Il Parlamento europeo ha ratificato questa mattina il trattato CETA, che crea un’area di libero scambio tra l’Europa e il Canada. I deputati hanno approvato il testo con 408 voti a favore, 254 contrari e 33 astenuti. «Nonostante una spaccatura profonda nel partito socialdemocratico - riferisce la Campagna Stop TTIP - l’accordo con il Canada è dunque approvato. Per la parte di competenza europea, entrerà provvisoriamente in vigore senza attendere il vaglio dei parlamenti degli Stati membri. Il loro pronunciamento resta comunque una vittoria della società civile, che ha impedito a Bruxelles di mantenere il CETA un affare soltanto europeo».
«Oggi è stata scritta una pagina oscura per la democrazia in Europa, ma non tutto è compromesso – ha spiegato Monica Di Sisto, portavoce della campagna –. La battaglia della società civile si sposta adesso a livello nazionale. Monitoreremo gli impatti dell’accordo, dimostrando che avevamo ragione a criticarne l’impianto, e spingeremo il Parlamento italiano a bloccare questo trattato dannoso per i nostri cittadini e lavoratori. I parlamentari europei, in particolare socialdemocratici e popolari, hanno abdicato al loro ruolo di garanti dei diritti e dell’ambiente. Ma in Italia un simile atteggiamento non sarà tollerato. Le urne sono vicine, e gli elettori faranno pesare questa scelta sconsiderata ai partiti che li hanno delusi in Europa».

Condividi:
Show Buttons
Hide Buttons