Valori giugno: tra mafia, microcredito e Africa

Valori giugno è qui, e non vi deluderà.

Accompagnandovi a scoprire la transizione possibile verso le rinnovabili e i bilanci delle imprese criminali al Nord, puntando la lente sullo stato di forma del microcredito e sulla fame che torna in Africa. Ma non solo...

Il giornale si apre infatti con un dossier che ragiona del traguardo, ora tecnologicamente raggiungibile, di un mondo senza combustibili fossili, e quindi senza l'inquinamento e gli effetti sul clima che ne derivano.  Scoprirete sia la proposta degli scienziati per una “carbon law” che chiama in causa l'impegno degli industriali sia il ruolo delle rinnovabili - e dell'eolico in particolare - sempre più centrale. Ma per completare il processo serviranno 29 mila miliardi di dollari.

apertura finetica MICROCREDITO, CRESCITA E DUBBI da VALORI 149 - giugno 2017

Finanza etica di questo mese torna a occuparsi di microfinanza, e di microcredito, senza indulgenza. Dalla vicenda della Grameen Bank del controverso premio nobel Muhammad Yunus ai default indiani e alle perplessità sull’efficacia dello strumento, su cui ha investito massicciamente anche la finanza
tradizionale. Non molliamo la presa neppure su Eni e sui suoi comportamenti nel continente africano, denunciati puntualmente dall'azionariato critico in assemblea, né trascuriamo di raccontare come si sta innovando Banca Etica, con i suoi Cantieri della partecipazione.

apertura ecosol IMPRESE CRIMINALI da VALORI 149 - giugno 2017

E dopo la mappa globale sul credito dei poveri, economia solidale entra nei bilanci delle imprese mafiose al nord attraverso una ricerca dell'Università di Padova, traccia il loro profilo e ne pesa l'impatto sull'economia legale, il cui reddito crescerebbe del 20% se chiudessero le attività criminali. Con Alessandra Dolci, importante magistrato antimafia di Milano, mettiamo poi il dito sulla piaga della mancanza di etica degli imprenditori. Di seguito un focus sulle cooperative in tempo di crisi, spesso più dinamiche delle società di capitali, e sull'economia circolare che recupera e riusa le apparecchiature medicali dei nostri ospedali, con una prassi che potrebbe diventare sistema.

apertura internazionale AFRICA TRA GUERRE E CARESTIE da VALORI 149 - giugno 2017

Per la chiusura di internazionale è invece di scena  l'Africa, innanzitutto. Le regioni meridionali del continente e lo Yemen vivono una crisi alimentare senza precedenti. Decine di milioni di persone sono a rischio, stretti tra riscaldamento globale e politiche economiche internazionali. Proprio i cambiamenti climatici, secondo un istituto di analisi tedesco, sarebbero in relazione alla crescita di crimine organizzato, terrorismo e gruppi armati, da Boko Haram all'Isis. Un tema che non sembra interferire con la guerra commerciale in corso tra i big del mondo per il controllo delle vie sempre più aperte fra le gelide acque del Polo Nord.

Le copie del giornale arrivano a casa di tutti gli  abbonati, su carta o  in digitale. Se potete, sostenete l’informazione indipendente di Valori e rimanete aggiornati con le nostre notizie quotidiane, che trovate su questo sito o seguendo i nostri aggiornamenti social su Facebook e Twitter.

 

Condividi:
Show Buttons
Hide Buttons